• Il Santuario di Notte
  • Le campane del Santuario di notte
  • IL Santuario nello splendore della luce

Orario Sante Messe

Orario  Invernale 

Giorni feriali: ore 7.00 - ore 19.00 nell'antico santuario. 

Sabato e prefestivi: ore 7.00 nell'antico santuario - ore 18.00 nel nuovo santuario.

Domenica e festivi : ore 8.30 - 11.00 - 18.00 nel nuovo santuario.

Orario  Estivo

Giorni feriali: ore 7.00 - ore 19.00 nell'antico santuario. 

Sabato e prefestivi: ore 7.00 nell'antico santuario - ore 19.00 nel nuovo santuario.

Domenica e festivi : ore 8.30 - 11.00 - 19.00 nel nuovo santuario.

I santuari

L'ANTICO SANTUARIO

Sulla strada vecchia che collegava Latiano ad Oria sorge il piccolo santuario, annesso al monastero dei Padri Cistercensi e dedicato alla Madonna di Cotrino. All’ingresso si legge la seguente iscrizione latina: Hoc Templum A.D. MDCCCLXXXII Paulus Gioja pro sua civiumque salute magnificavit. Da ciò si deduce che il tempio venne ingrandito nell’anno 1882, con la costruzione anche dell’attuale facciata. Entrati nella piccola chiesa, l’occhio del visitatore si concentra subito sull’effigie della Vergine, posta attualmente al centro dell’altare maggiore, dove si trova a partire dal XVIII secolo. Originariamente, infatti, la sacra effigie era collocata nella parete laterale verso la strada vecchia di Oria, per poi essere trasportata col vecchio muro, in cui era dipinta, nella parete di prospetto, al di sopra dell’altare maggiore.
L’originale Via Crucis a stampa antica, benedetta dal francescano padre Raffaele Delli Ponti il 10 dicembre 1922, raffigurante le stazioni dei pellegrini di Gerusalemme dal Palazzo del Pretorio di Pilato fino al Calvario e al Sepolcro, invita a ripercorrere spiritualmente il tragitto penoso del Salvatore. La statua lignea di San Bernardo, realizzata nell’anno 1950, proveniente dalla Fabbrica di Ortisei, permette alla mente e al cuore del visitatore di sintonizzarsi con gli slanci eroici del grande devoto della Madonna, il Doctor mellifluus o Doctor marialis. La tela raffigurante San Giuseppe (protettore della Congregazione Cistercense di Casamari), realizzata nel 1991 dal religioso cistercense padre Agostino M. Caputi di Latiano, e collocata sull’altare del 1924, dono dei coniugi Geremia e Crocifissa Rubino, avvolge il fedele in una stupenda atmosfera di pace e di intimità spirituale, virtù proprie della famiglia di Nazareth.
La Chiesetta mostra, in generale, un’architettura semplice, con elementi baroccheggianti presenti nel presbiterio e soprattutto sull’altare maggiore, che rappresenta la parte più antica e più interessante dell’intero santuario.
 
La volta, di recente restaurata ad opera di Giuseppe Calò, nascondeva una stupenda raggiera eucaristica, con al centro la scritta IhS (Iesus hominum Salvator), attorniata dai simboli eucaristici del calice, del campanello e del messale e da una stella, forse simbolo mariano. Ai lati, fa da contorno un particolare di sfumature cromatiche sul verde-verdone, con un gioco speciale di ombre e di luci, simile a stoffa preziosa.
 
 
Dietro l’altare, attraverso due porticine, vi è l’ingresso nel coro del monastero, il cuore della vita monastica, realizzato A divozione di Vincenzo D’Ippolito fu Ferdinando nell’anno 1924. Eleganti “stalli” lignei accolgono i monaci per i momenti della preghiera in comune; infine, la figura del Santo re Davide nell’atto di arpeggiare la cetra, le immagini dei volumi della liturgia delle ore e le iscrizioni Septies in die dixi tibi laudem e Psallite sapienter, il tutto frutto del pennello di Salvatore Murra nell'anno 1950, abbelliscono la volta e creano un’atmosfera particolarmente orante.
 
 
 
 
 
 
 
 
CampanileSormontato sulla chiesetta, sorge il piccolo campanile con due campane, di cui la più piccola dono del beato Bartolo Longo, con l’effigie dell’apostolo Bartolomeo e un’appropriata iscrizione latina, che invita tutti ad ascoltare il suo suono, per ricevere l’aiuto della Vergine (Bartholomaeus erit sonitu qui congregat omnes quaerentes divae Virginis auxilium: Bartolomeo sarà colui che con il suo suono riunisce tutti coloro che chiedono l’aiuto della beata Vergine); la seconda campana, dono del popolo di Latiano e rifusa nel 1995, reca l’immagine della Vergine con Bambino e l’iscrizione inneggiante la potente intercessione di Maria (Cunctis Virgo potens Lateanae gloria gentis maternum praebens usque patrocinium: la Vergine potente, gloria del popolo di Latiano, dona a tutti il materno patrocinio). Entrambe furono fuse insieme con le otto campane, che ornano il campanile del solenne e maestoso santuario di Pompei. Sul transetto, in alto, della facciata del campanile si legge la seguente espressione latina: Qui vocamini venite (Voi, che siete chiamati, venite).

 

IL NUOVO SANTUARIO

I lavori di costruzione del nuovo santuario ebbero inizio nell’anno 1978 e furono ultimati nel 1992. La prima pietra fu benedetta il 22 ottobre 1978 dal padre Nivardo Buttarazzi, Abate Preside della Congregazione Cistercense di Casamari. Il nuovo edificio fu progettato dagli ingegneri Oronzo e Luigi Sticchi e la realizzazione dell’opera fu affidata all’impresa edile «Simeone D’Antona». La chiesa è lunga 55 metri, di cui 8 destinati al porticato d’ingresso o sagrato; è alta 28 metri sul piano del piazzale, degradando a metri 20 nella navata centrale e metri 16 in corrispondenza del presbiterio. La superficie totale è di metri quadri 1500, coprendo uno spazio che è 12 volte più grande dell’antico santuario. La dedicazione della nuova chiesa avvenne il 7 novembre 1992 con la presenza del vescovo di Oria mons. Armando Franco. Nel suo interno la chiesa custodisce le preziose opere bronzee, di notevole valore artistico, realizzate dallo scultore Carmelo Conte di Latiano: l’artistico Tabernacolo (raffigurante il mondo con quattro lance ad indicare i punti cardinali, ai cui lati verticali appaiono tre linee, rappresentanti le virtù teologali, e a quelli orizzontali sette, rappresentanti i sacramenti della chiesa: al centro troneggia la figura del Cristo, dal cui petto squarciato sgorgano grappoli d’uva e spighe di grano, segni tipicamente eucaristici, mentre gli fanno corona i dodici apostoli, con lo sguardo di tutti rivolto verso il loro Signore, ad eccezione del traditore); le 14 stazioni della moderna "Via Crucis", le cui scene conformi alla descrizione evangelica culminano nella maestosa statua bronzea del Cristo Risorto, circondato da tralci di vite, spighe di grano e colombe, realizzata nell’anno 1995 e dedicata al giovane Nino Milano (vedi le intere stazioni su questo link); lsuggestiva croce a stilo, posta sul presbiterio, accanto all’altare maggiore, dono della sign.na Maria Carrozzo.

All’ingresso della chiesa il fedele ha l’opportunità di accostarsi alla grandiosa figura del Cristo Crocifisso, scolpito su un tronco unico di albero d’ulivo dall’artista Giuseppe Di Giorgio di Brindisi nell’anno 1990. L'opera rivela la sua maestosità e permette al fedele di accostarsi all'immagine inusuale di un Crocifiso, che lo invita a ripercorrere l'intero dramma, vissuto dal Cristo sulla coce e ben evidenziato sia dai lineamenti del volto e sia dall'intero portamento dell'uomo trafitto. Addossato alla parete laterale destra, il Crocifisso è un richiamo impellente, che interpella il visitatore, richiamandolo alla preghiera e alla meditazione della passione del Salvatore.

Al centro del presbiterio domina imponente il mosaico della Madonna di Cotrino, realizzato nell’anno 2006 dall’artista Alessia Cataldo della Ditta Domus Dei di Roma.

Le meravigliose e splendide sette campane, disposte in alto sul campanile della facciata, sono state finemente cesellate dalla Ditta Capanni di Castelnovo De’ Monti (RE) e riccamente impreziosite da immagini dello scultore Carmelo Conte, di cui le tre più grandi sono dedicate rispettivamente a San Benedetto da Norcia, a San Bernardo di Chiaravalle e alla Madonna di Cotrino, mentre le altre quattro a San Giovanni Battista, al beato Bartolo Longo, ai tre fondatori dell’Ordine Cistercense e a San Giuseppe. Come le sette note musicali, esse nei giorni festivi e nelle solennità eseguono dolcissimi inni mariani, con i quali invitano i fedeli alla preghiera e alla lode.

Tutti i diritti sono riservati © 2012 Santuario della Madonna di Cotrino - Monastero dei Monaci Cistercensi -
Login  - Sito web realizzato da Sammy - 
Sito web e' dedicato alla memoria di Margherita Rubino in De Nitto (*1914 +2007) ed alla maestra Anna Forleo (*1950 +2008)